INTENSIVO SUL SE' COSCIENTE

(Ritiro Intensivo di illuminazione)

L’esperienza del ritiro intensivo sul sé cosciente di meditazione, porta l’individuo a sperimentare stati interiori difficilmente raggiungibili con la meditazione tradizionale. Lo scopo di questo seminario è produrre consapevolezza nella vita dell’individuo.  

“La verità non è nè il tuo sapere nè le tue idee, la verità è il tuo essere.
Tu sei la verità. Dove mai potrai cercarla se non dentro di te?”  (Osho)

E’ un ritiro di meditazione residenziale della durata di tre giorni tratto dalla pratica zen, adattato a chiunque, anche a colui che non ha mai meditato o all’esperto.

 

In tutte le tradizioni di tutti i tempi, individui mossi da agitazione interiore si allontanavano dai centri per trovare luoghi solitari per poter meditare. Satori è strutturato con orari precisi. Viene scelto per il suo svolgimento luoghi ameni e silenziosi, immersi nella natura.

 

Conoscere se stessi, in questo caso va molto oltre la comprensione di parti della propria personalità o della scoperta di virtù o della calma interiore. SATORI è un insieme di stili di meditazione che oltrepassa le comuni pratiche.

 

Creato da Charles Berner  negli anni 60 con lo scopo di far sperimentare l’esperienza extrasensoriale dell’illuminazione all’occidentale si è diffuso e praticato in tutto il mondo fino a oggi.

 

 

 

È un andare oltre a tutto quello che c’è di ordinario e sensibile, è la sperimentazione trascendentale di se stessi che è immortale, che non ha dimensione, che non risiede da qualche parte ma che permane tutto.

 

Sperimentare senza “sensi” Chi siamo Veramente, in modo diretto, non dalla mente o dall’intuizione, ma come dono che proviene da ciò che non può essere conosciuto dai sensi e descritto dalla parola. Questo è Satori, Samadhi, Tao, Illuminazione, Esperienza mistica, Wakan Tanka, nomi diversi per indicare sempre la stessa esperienza.

 

In superficie l’uomo appare diverso per razza, cultura, religione, storia… ma in profondità tutti siamo tutti uguali, e questa verità è la meta di tutte le vie spirituali.

 

Esiste un’unica Verità, ed è che siamo Uno con tutto l’universo. Poterla sperimentare direttamente è qualcosa di straordinario che ci cambia profondamente e definitivamente.

 

Poter sperimentare, anche per brevissimo tempo, questo stato è un tracciare la nostra meta, è una luce nella nebbia della vita, che scorgiamo in lontananza e che ci indica dove si trova la nostra vera casa.

 

Le esperienze “sensibili” o mediate attraverso i sensi fisici o sottili, anche le più appaganti, sono solo fugaci scorci della totalità di noi stessi. L’esperienza diretta o Illuminazione è totalizzante, è perfezione, perché non è uno stato umano.

 

Attraverso la meditazione intensa, senza distrazioni, con l’unico intento di viversi direttamente, potremmo toccare l’Illuminazione.

 

Il ritiro SATORI è un luogo protetto, con regole precise; è un gruppo sincero di ricercatori immersi nella meditazione, con una unica tecnica e un unico intento che si esprime attraverso il koan “Dimmi chi sei tu”.

 

E’ un perEnlightenment-Intensive-Dyacorso intenso e coinvolgente, che non richiede una particolare preparazione ed è adatto anche a chi si avvicina per la prima volta alla meditazione, ma rimane comunque un’esperienza intensa che comporta maturità e impegno.

 

Ideato negli anni ‘60 dal fisico americano e maestro di meditazione Charles Berner, SATORI è oggi riconosciuto in tutto il mondo per la sua straordinaria efficacia; è unico nel suo genere, un evento in grado di trasformare in profondità la persona e di dare inizio ad un vero percorso di crescita spirituale.

 

La meditazione è una delle più grandi arti della vita, forse la più grande, e non la si può imparare da nessuno, questa è la sua bellezza. Non c’è tecnica e quindi non c’è autorità. Quando imparate a conoscervi, quando vi osservate, osservate il modo in cui camminate, in cui, mangiate quello che dite, le chiacchiere, l’odio, la gelosia, l’essere consapevoli di tutto dentro di voi, senza alternativa, questo fa parte della meditazione.

(Jiddu Krishnamurti)

error: